chirurgia ambulatoriale interventi chirurgici in anestesia locale - Chirurgia Plastica Estetica - Dott. Antonio Tambuscio

interventi

DIRECT LINE: 392 0682266

CHIRURGIA AMBULATORIALE


Molte lesioni anti estetiche, tumori cutanei o brutte cicatrici possono essere trattati con interventi chirurgici ambulatoriali. In ambiente ambulatoriale si praticano interventi veloci, eseguiti in anestesia locale che consentono tempi di recupero molto veloci.






Ho una cisti sebacea sullo zigomo di circa 3cm trattata dal dermatologo con iniezioni di cortisone senza risultato. Cosa posso fare?

Le cisti sebacee sono delle piccole sacche contenenti sebo localizzate sotto pelle. Si formano per l'ostruzione del dotto della ghiandola sebacea che ne impedisce il normale svuotamento. Sono lesioni di esclusivo significato estetico sebbene talvolta possano infettarsi e accumulare pus al loro interno (così detta fase acuta), diventando rosse e dolorose. Si formano più frequentemente sul viso, sul cuoio capelluto e sul tronco. Non è necessario rimuoverle a meno che non siano particolarmente visibili o si infettino. L'unico trattamento è quello di asportazione chirurgica. Qualsiasi altro trattamento conservativo è assolutamente inutile e potenzialmente dannoso (es. cortisone!). Per poter operare, la cisti non deve essere in fase acuta, in quest'ultimo caso è bene attendere facendo semmai una terapia antibiotica iniziale in attesa di un miglioramento prima di procedere con l'intervento. Talvolta in fase acuta può essere necessario incidere e drenare l'ascesso. L'asportazione chirurgica delle cisti sebacee è molto banale e sempre risolutiva. Residua una piccola cicatrice che, nel volto, viene posizionata lungo le linee di espressione per meglio mascherarla.     cisti sebacea cisti sebacea    

A 5 anni ho avuto un'ustione di 3 grado alle gambe e mi hanno fatto un innesto cutaneo. Volevo sapere se sugli innesti si pelle si possono fare tatuaggi o ci sono rischi/controindicazioni.

Le gravi ustioni di terzo grado non possono guarire da sole (a meno che non siano di estensione molto limitata) e pertanto è necessario sostituire la pelle completamente bruciata con dell'altra, prelevata in strati molto sottili da altre sedi (innesto cutaneo). I tempi di guarigione sono così piuttosto rapidi anche se ne residua una cicatrice piuttosto visibile. Queste cicatrici possono essere seguite e trattate con gli stessi metodi già spiegati in questo approfondimento. Tra le varie opzioni c'è anche quella del tatuaggio eseguito sia ai margini della cicatrice che anche al di sopra della stessa. L'importante è attendere che la cicatrice si sia stabilizzata e sia completamente sbiancata (di solito servono da 12 mesi a 2 anni o più).



Vorrei ridurre i lobi auricolari ma mi spaventano le cicatrici. Si vedranno?

L'intervento di riduzione dei lobi auricolari richiede solitamente una piccola cicatrice verticale praticamente invisibile, nel contesto della quale viene posizionato il buco per l'orecchino che la nasconde ulteriormente.

Ho subito un intervento di gastrectomia che mi ha lasciato una cicatrice di 15 cm circa. In seguito questa è diventata cheloidea e sono state applicate creme al silicone e praticate infiltrazioni di cortisonici. Ora il cheloide è attenuato anche se persiste ma è sorto un ulteriore problema. La cicatrice in un punto è rientrata lasciando un buco. Volevo sapere a che cosa è dovuta questa introflessione (un'infiltrazione sbagliata?) e come si può sistemare.

La rientranza di cui parla è probabilmente dovuta ad una atrofia cutanea e sottocutanea causata dal cortisone iniettato. Purtroppo è una complicanza che può insorgere nel tentativo di ridurre i cheloidi. La situazione può essere migliorata con un autotrapianto di tessuto adiposo (lipofilling) nella zona depressa oppure con una correzione chirurgica.

Nel corso di vari anni, mi sono comparsi sul tronco e sulle braccia numerosi angiomi puntiformi. E'possibile rimuoverli chirurgicamente?

Gli angiomi puntiformi sono lesioni anti estetiche prive di significato patologico. Possono facilmente e definitivamente essere rimossi con un elettro bisturi o un laser ablativo. L'intervento richiede pochi minuti e nella maggior parte dei casi non richiede anestesia.   angiomi puntiformi

Mia figlia di 7 anni ha la parte posteriore degli orecchini (c.d. farfalla) che si è "incarnata" nel lobo dell'orecchio ed ora non si riesce più a togliere. Cosa si può fare?

La situazione è facilmente risolvibile con una piccola operazione in anestesia locale della durata di pochi minuti, senza incisioni e senza il bisogno di mettere alcun punto di sutura. E' necessario rimuovere completamente l'orecchino per qualche settimana sostituendolo con un pendente leggero. A guarigione completa è possibile indossare di nuovo qualsiasi tipo di orecchino.



E’ possibile intervenire chirurgicamente o con peeling profondo su una cicatrice da trapianto di pelle alla coscia dx vecchia di 7 anni ed esiti di ustione 3°? Le cicatrici si presentano abbastanza piatte, ma ancora molto rosse ed antiestetiche.

Le cicatrici inveterate da ustione (vecchie di anni)  vengono più spesso trattate con la dermoabrasione, tecnica che generalmente da più opportunità di miglioramento. Il risultato che ci si può attendere è una riduzione dello spessore della cicatrice e una levigatura delle asperità. Per cicatrici piccole può essere più indicato ricorrere all’asportazione chirurgica, magari in più tempi o con l’utilizzo di un espansore cutaneo temporaneo. In altri casi ancora, di solito le mani, può essere più indicata l’asportazione completa della cicatrice e un reinnesto cutaneo. Dipende in definitiva  dall'estensione della cicatrice, spessore, rigidità, posizione, colore, etc.. Ogni caso va perciò valutato individualmente.

 


All'età di 2 anni e mezzo ho subito un intervento di peritonite d'emergenza e ho una cicatrice periombelicale di circa 10cm che spesso mi fa male. Potrei avere dei problemi nel caso in cui affrontassi una gravidanza? E’ necessario correggere la cicatrice prima? Dovrò rinunciare ad avere figli?

Direi che per una gravidanza non ci sono assolutamente problemi. I fastidi che lamenta sono probabilmente dovuti ad aderenze tra la pelle e le fasce muscolari quindi è consigliabile che prima o poi effettui un intervento di revisione chirurgica (probabilmente ambulatoriale) con lisi delle aderenze ed eventuale lipofilling. Può farlo prima o dopo la/le gravidanze indifferentemente.



Ho numerosi puntini rossi attorno al naso e sulla punta. E’ possibile toglierli?

Le lesione di cui parla sono probabilmente piccolissimi angiomi puntiformi che possono essere tolti in pochi secondi anche senza anestesia con un laser ablativo o un elettrobisturi.



Dopo asportazione della tiroide e dei lifonondi del collo mi è rimasta una lunga cicatrice tra l'ipertrofica e il cheloide molto arrossata. Con il cerotto Resolve ho scarsi risultati. Cosa ne pensa dei cerotti in silicone o poliuretano? E della crioterapia per le cicatrici?

Diverse informazioni sulla gestione post chirurgica delle cicatrici le può trovare in questa pagina. I cerotti compressivi hanno tutti lo stesso meccanismo di azione ovvero l’ischemia da compressione. In parole semplici la cicatrice si assottiglia perché viene “soffocata” dalla placchetta (poliuretano, silicone etc..) che gli viene applicata sopra con forza. Il trattamento funziona solo per cicatrici ancora “giovani” (diciamo entro i primi sei mesi) e nel caso in cui sia possibile esercitare una certa compressione dall’esterno direttamnte sulla placchetta ad esempio con fasciature, cerotti o bendaggi vari. Nel collo ciò è molto difficile da fare motivo per cui le placchette trovano scarsa utilità. E’ molto più sesato dedicarsi ad un massaggio intenso con una pomata specifica come il sameplast, il kaloidon, lo skarflex o il dermatix. E’ opportuno che si faccia seguire da uno specialista nei primi mesi con una certa periodicità in modo da, eventualmente, intraprendere tempestivamente un ciclo di corticoinfiltrazioni (punture di cortisone) sulla cicatrice nel caso in cui l’ipertroifa fosse troppo accentuata.

La crioterapia può essere utilizzata solo nel caso di cheloidi esofitici peduncolati, ossia cicatrici voluminose con un peduncolo stretto (aspetto simile ad un fibroma). In tutti gli altri casi è da evitare, specie ll’inizio.



Dopo falloplastica aumentativa con filler (iniezione di acido ialuronico nel pene) ho sviluppato un granuloma che ha richiesto l’asportazione chirurgica la chiusura con un innesto cutaneo che però è di colore più chiaro. Cosa si può fare per renderne più scuro il colore?

Il problema non è di semplice risoluzione. Sono da escludere gli autoabbronzanti che tendono a colorare la cute di arancione e non ritengo le lampade UVA possano dare un miglioramento molto efficace o comunque duraturo. Se il problema è il colore più chiaro o tenue della zona innestata potrebbe ottenere un miglioramento con un ritocco di colore fatto da un bravo tatuatore. E' un metodo che si utilizza di solito per le areole ricostruite dopo mastectomia, quindi potrebbe fare al caso suo. In caso di insuccesso ricorrerei in estremis ad un nuovo innesto con prelievo dalla piega inguinale, che di solito ha un fototipo più scuro.



Dopo la correzione bilaterale della schisi del lobo auricolare è possibile che si rifiutino di rifarmi il buco per l’orecchino?

Dopo la correzione della schisi dei lobi i buchi per gli orecchini possono essere fatti senza alcun problema, anche il giorno stesso dell'intervento.



Dopo asportazione di un emangioma intraosseo allo zigomo sinistro mi è rimasta una cicatrice di circa 3 cm e un avvallamento che crea un brutto effetto estetico. Mi è stato proposto un impianto di acido ialuronico o grasso. Qual è il suo parere? L’intervento è mutuabile?

Le opzioni terapeutiche che le sono state proposte sono entrambe valide anche se è da preferire sicuramente l'autotrapianto di grasso (lipofilling) che consente in genere di raggiungere risultati più naturali e duraturi, nei casi come il suo. Certamente l'intervento è eseguibile col SSN essendo il suo un esito di asportazione chirurgica per patologia (emangioma intraosseo).



Ho subito l'asportazione di un neo alla spalla e si sta formando una cicatrice rossa e rilevata. E' possibile correggerla?

Le cicatrici arrossate e rilevate sono dette cicatrici ipertrofiche. Nel caso in cui la cicatrice sia molto voluminosa e cresca abbastanza rapidamente si parla di cheloide. Se invece la cicatrice e piana ma anzichè essere una riga e molto allargata si parla di cicatrice diastasata. In quest'ultimo caso l'unica possibilità di miglioramento è una revisione chirurgica che preveda l'asportazione della vecchia cicatrice e il confezionamento di una nuova sutura che garantisca una tenuta maggiore. Nel caso di una cicatrice ipertrofica o di piccoli cheloidi esistono diversi metodi conservativi (non chirurgici) per ottenere un miglioramento.

Fatto salvo che l'intervento sia stato eseguito bene la prima cosa da fare è eseguire degli intensi massaggi. Questi devono essere fatti spingendo con le dita molto energicamente contro la cicatrice (anche se dovesse fare un po' male) in modo da vedere chiaramente lo sbiancamento della pelle dovuto alla compressione. Questo massaggio va fatto "a dito fermo" possibilmente utilizzando una pomata specifica per le cicatrici. In commercio ve  ne sono di diverse marche tutte più o meno equivalenti (tra le altre si ricorda sameplast® e kaloidon®). Bisogna ricordarsi di non spalmare la crema in giro ma di considerarla un semplice lubrificante per il massaggio! Il tempo da dedicare a questa operazione dovrebbe essere di almeno 20' al giorno per ogni cicatrice.

Tra un massaggio e l'altro si possono applicare delle pomate protettive a base di silicone liquido che, anche se abbastanza costose, sembrerebbero avere qualche utilità. I prodotti più noti sono dermatix®,zeraderm® e skarflex® e vanno applicati in sottile strato sopra la cicatrice, al termine del massaggio.

Nelle cicatrici più rilevate può essere molto utile utilizzare delle lamine di silicone da applicare sulla cicatrice in modo che esercitino una compressione su di essa per tempi più lunghi. Fra i vari prodotti disponibili in commercio si ricordano cica-care® e sifravit®. Sono prodotti abbastanza costosi ma molto utili a patto di utilizzarli nel modo opportuno. E' sufficente scegliere in farmacia dei foglietti di silicone piccoli in modo che ogni cicatrice da trattare venga coperta con un esubero di circa 1 cm su ogni lato. Volendo è possibile applicare più di un foglietto sopra l'altro per una pressione maggiore. Il silicone deve essere poi fissato in compressione sulla cicatrice o con cerotto ben pressato. Meglio ancora sarebbe eseguire se possibile una fasciatura compressiva. Questa tecnica è molto indicata per sedi come le braccia, le gambe, la fronte, etc.. Le lamine di silicone vanno lasciate in sede per più tempo possibile (almeno 12 ore, ad esempio la notte). In alcune altre sedi può essere utile applicare esternamente un indumento compressivo in lycra o cotone elasticizzato come ad esempio, un guanto, una pettorina, una fascetta, etc.. Le lamine di silicone possono essere lavate ed utilizzate molte volte.

Tutti questi accorgimenti funzionano finchè la cicatrice è in fase infiammatoria ovvero arrossata. La durata della fase infiammatoria è, a seconda dei casi, di 4-12 mesi. Trascorso questo tempo, se la cicatrice è ancora molto brutta o rilevata è opportuno considerare una correzione chirurgica.



Ho una brutta cicatrice da appendicectomia che in alcuni momenti mi da un forte senso di tensione. Può creare problemi durante una gravidanza?

Quel tipo di cicatrice non comporta assolutamente alcun problema per un'eventuale gravidanza. La sensazione di tensione è dovuta a delle aderenze che si sono create tra la pelle e le fasce muscolari profonde. Un eventuale gravidanza darebbe solo un po' di tensione iniziale destinata comunque a ridursi nel tempo, soprattutto se si ha cura di applicare delle creme elasticizzanti (Rilastil).



Ho una cicatrice da appendicectomia larga e infossata. E’ possibile eliminarla?

Non è possibile far scomparire completamente una cicatrice. Tuttavia le possibilità di miglioramento sono molteplici. In questo caso, la guarigione sotto tensione della ferita chirurgica ne ha provocato l’allargamento e lo svilupparsi di aderenze retraenti in profondità ha creato una fossetta. L’intervento migliore è l’asportazione chirurgica della brutta cicatrice, la lisi di tutte le aderenze in profondità e il confezionamento di una nuova sutura estetica senza punti esterni. Nel caso dovesse permanere un po’ di depressione la correzione può essere perfezionata con un lipofilling.



Quando è possibile asportare una lesione cutanea anti estetica in ospedale?

Molte lesioni della pelle hanno un significato puramente estetico e non vengono considerate delle malattie. L’asportazione di lesioni cutanee in ospedale è normalmente compito di un reparto di chirurgia plastica, chirurgia generale o dermatologia. Le linnee guida delle aziende ospedaliere, stilate sulle direttive del Ministero della Sanità, consentono di trattare solo lesioni cutanee patologiche che costituiscono un pericolo per la vita o un fattore di peggioramento qualitativo della stessa. Stando così le cose, lesioni moto comuni come dermatofibromi, piccoli lipomi, angiomi puntiformi, xantelasmi, nevi benigni, etc.., non potrebbero essere asportate in regime ospedaliero convenzionato col SSN in quanto non costituiscono una patologia ma esclusivamente un inestetismo. Questo almeno in teoria. In pratica molto dipende dall’interpretazione e dal buon senso del singolo medico nonchè dalla “politica” e dalle possibilità del singolo reparto ospedaliero. Accade così che reparti con liste d’attesa corte possano, per così dire, chiudere un occhio e accogliere richieste di asportazione cutanee al limite (pur sottoponendosi al rischio di un provvedimento per ricovero improprio!). Altri reparti oberati da richieste di asportazione chirurgica di lesioni francamente patologiche (melanomi, sarcomi, cisti, etc…) possono, a buon diritto, rifiutare richieste improprie e indirizzare i pazienti a strutture private a pagamento.



Dopo la correzione del lobo bifido dopo quanto tempo è possibile indossare nuovamente gli orecchini?

La plastica del lobo auricolare per schisi prevede la chiusura della fessura e la ricostruzione del lobo con piccolissimi punti di sutura. Il giorno dell’intervento è necessario portare con se degli orecchini d’oro non pendenti che andranno portati giorno e notte per 30 giorni e cioè fino alla guarigione completa e stabile delle cicatrici. Trascorso questo tempo è possibile sostituire gli orecchini con degli altri, purchè molto leggeri. Dopo 3 mesi dall’intervento è possibile indossare nuovamente orecchini di qualsiasi tipo, inclusi i pendenti.



Sono affetto da numerosi piccoli lipomi (diverse decine) presenti sotto pelle. Ne ho già rimossi alcuni chirurgicamente ma ne ho ancora molti altri. Cosa si può fare?

Si tratta probabilmente di una lipomatosi diffusa, una patologia abbastanza frequente che porta problemi esclusivamente di ordine estetico. Purtroppo la tendenza a formare continuamente nuovi lipomi è altissima perciò non vale la pena “inseguirli” ossessivamente pretendendo di rimuoverli tutti, è una battaglia persa. Il miglior atteggiamento è quello di trattare solo le lesioni evidenti esternamente o quelle collocate in sedi dove danno fastidio (es. avambracci, collo, etc…). Per lesioni di diametro inferiore al centimetro è possibile eseguire un piccolo taglietto di 3-4 mm ed eseguire uno squeezing (una spremitura). In questi casi la cicatrice è poco visibile (simile ad un accesso per liposuzione). Nel caso in cui non si voglia alcun segno è possibile trattare lesioni fino 1-2cm con delle iniezioni sottocutanee di fosfatidilcolina, con buoni risultati. Per lipomi di dimensioni maggiori è invece necessario l’intervento chirurgico classico di asportazione e sutura con un taglio di lunghezza variabile. Per ampie lesioni confluenti, infine, è possibile tentare una lipoaspirazione sebbene il rischio di recidiva non sia trascurabile.









               
ARTICOLI CONSIGLIATI
Dr. Antonio Tambuscio Chirurgo Plastico - Ordine dei Medici n. PD009129 - P.IVA:03907910289
(C)2016 Tutti i contenuti sono proprietà del Dott. Antonio Tambuscio


PRENOTA UNA VISITA
Prenotare visita Dr. Chirurgo Plastico Estetico e Ricostruttivo Dr. Tambuscio

Per prenotare una visita specialistica con il Dr. Tambuscio scegli fra le seguenti la sede a te più vicina.
Segui le indicazioni per fissare l'appuntamento.




Padova - Clinica Città Giardino
Via F. Piccoli 6, 35123, Padova
Telefono: 049 8911049
Vedi maggiori informazioni su questa sede

Mestre Venezia - CLINICA TORRE EVA
Via Bruno Maderna, 7, 30174, Mestre, Venezia
Telefono: 041 957703
Vedi maggiori informazioni su questa sede

Verona - Prestige Day Clinic
via Monte Baldo 12/B, 37069 Villafranca, Verona
Telefono: Tel.392 0682266
Orario: 15-19 da Lun-Ven

Vedi maggiori informazioni su questa sede

Vibo Valentia - Clinica Villa dei Gerani
Via Savio 10, 89900 Vibo Valentia
Telefono: 3920682266
Vedi maggiori informazioni su questa sede

Treviso - Ambulatorio San Raffaele
via delle Industrie, 2/1 , 31032, Casale sul Sile, Treviso
Telefono: Per informazioni: info@antoniotambuscio.it
Vedi maggiori informazioni su questa sede



Rimani aggiornato sui focus, pubblicazioni, faq e promozione

Inserisci i tuoi dati per ricevere le nostre mail mensili.
Il tuo indirizzo e-mail *

In che provincia abiti? *


*Acconsento al trattamento dei dati personali secondo i termini di Legge sopra specificati
*Acconsento di ricevere newsletter e promozioni tramite e-mail

Tutti i campi con * sono obbligatori