chirurgia estetica seno - Chirurgia Plastica Estetica - Dott. Antonio Tambuscio

interventi

DIRECT LINE: 392 0682266

CHIRURGIA ESTETICA SENO


La chirurgia del seno richiede una programmazione particolarmente accurata dell’intervento più adatto per ogni paziente. Dopo aver espresso i propri desideri, ogni candidata partecipa col chirurgo alle scelte che porteranno al risultato finale e viene accuratamente informata su tutti gli aspetti tecnici e le possibili complicanze. Una completa informazione è fondamentale data l’evolutività che un intervento al seno può avere nel tempo in caso di gravidanze/allattamenti e considerato il normale invecchiamento delle mammelle.  Inoltre il seno è un organo particolarmente delicato che richiede opportuni accertamenti di screening pre operatorio per avere la ragionevole certezza di lavorare in sicurezza.
Privilegiamo in ogni caso risultati naturali e proporzionati al fisico della paziente. Non scendiamo a compromessi sui materiali impiegati scegliendo solo impianti dei migliori produttori (Allergan® e Mentor®) che offrono elevate garanzie di qualità.






Dopo un intervento di mastopessi, il risultato può essere messo nuovamente a rischio cedimento con una gravidanza, sbalzi ormonali e conseguente allattamento?

La mastopessi è certamente un intervento il cui risultato può cambiare nel tempo a prescindere da qualsiasi condizione esterna e ciò dipende soprattutto dall'elasticità della pelle, dall'età della paziente e dal volume (e peso) delle protesi, se si tratta di mastopessi additiva. La gravidanza e l'allattamento è poi una ulteriore condizione di rischio di cambiamento per la mammella, anche quella mai sottoposta ad alcun intervento chirurgico. L'aumento di peso e volume del seno, specie durante l'allattamento, può portare a sviluppare smagliature o discesa precoce del seno. E' bene comunque sottolineare come questi ultimi cambiamenti siano comunque fenomeni naturali che interessano tutte le mammelle, anche quelle mai operate.



Mi sono sottoposta per la seconda volta, causa esito negativo del primo intervento, ad una mastopessi. Sono trascorsi appena 20 giorni e ho paura di guardarmi allo specchio. Quanto tempo deve passare per poter capire se l'intervento rispecchia le mie aspettative?

Ogni intervento di chirurgia plastica richiede un tempo di attesa ragionevole per poterne valutare il risultato che corrisponde al tempo minimo per una guarigione completa ovvero 30 giorni. L'aspetto delle cicatrici può però richiedere tempistiche molto più lunghe fino a 18 mesi come spiegato in questo articolo.

Per quanto riguarda l'intervento di mastopessi, l'attesa minima è di almeno 3 mesi poiché la mammella subisce un normale assestamento gravitazionale solo nel medio periodo che le fa raggiungere la forma desiderata nel tempo.



Dopo 5 anni dall'intervento di mastopessi additiva si è formata un'abbondante falda anecogena periprotesica nel seno destro. Si può curare con antibiotici o aspirazione fluido oppure è necessario provvedere alla rimozione delle protesi?

La risposta alla domanda è piuttosto articolata e dipende da una serie di fattori. La condizione che descrive si chiama "sieroma" peri protesico e consiste nell'accumulo di siero (acqua) attorno alla protesi. E' una complicanza poco frequente che in assenza di altre problematiche come febbre, dolore, rossore o grande rigonfiamento della mammella non deve preoccupare. Se l'accumulo di liquido è esiguo (quindi la falda è sottile) si può tranquillamente attendere l'eventuale riassorbimento spontaneo che può richiedere anche alcune settimane e una terapia anti infiammatoria di supporto. Per sieromi voluminosi, nel caso in cui siano state utilizzate protesi macro testurizzate, è necessario procedere alla aspirazione eco guidata di un campione di siero e successivo esame citologico per escludere la presenza di un LIFOMA ANAPLASTICO A GRANDI CELLULE, tumore riscontrabile in alcuni rari casi associato ad una mastoplastica additiva, ben curabile ma che richiede una terapia chirurgia e medica specifica. Nel caso in cui l'esame citologico sia negativo (assenza di patologia) si può anche in questo caso attendere e osservare la situazione, sempre se siamo in assenza di altre problematiche. Per sieromi voluminosi, fastidiosi o che comportano una alterazione della forma della mammella conviene procedere ad una revisione chirurgica che consiste nella sostituzione della protesi e rimozione della capsula (o doppia capsula) peri protesica. Quasi mai la sola aspirazione risolve il problema.

Si capisce bene come la situazione richiede una valutazione e un monitoraggio specialistico per la migliore gestione.



Vorrei fare la mastoplastica additiva ma pratico bodybuilding con carichi abbastanza intensi. Vorrei sapere se dopo l'intervento sarà possibile riprendere gli allenamenti con carichi importanti (60 kg) per la parte inferiore del corpo (squat., affondi, pressa) che richiedono comunque l'utilizzo delle braccia come sostegno.

L'intervento di mastoplastica additiva, con opportuni accorgimenti tecnici (posizionamento retro ghiandolare) si può ben adattare anche a chi pratica body building a livello intenso. Dopo circa 20-30 giorni dall'intervento sarà possibile riprendere completamente le usuali attività sportive. Per gli esercizi della metà inferiore del corpo sarà possibile riprendere normalmente mentre per la parte superiore (braccia, pettorali) si riprenderà con una gradualità di alcune settimane, per arrivare alla fine a pieno regime.

fitness e mastoplastica additiva def body building e aumento del seno



Ho i seni molto distaccati tra di loro sembra quasi che vadano sotto le braccia. Inoltre hanno una forma a pera che pende leggermente verso il basso, nonostante la mia taglia sia solo la seconda. Esiste un intervento che possa modificare la forma o almeno renderli più centrali.

La situazione descritta richeide una visit medica per una valutazione precisa. Tuttavia in linea generale si potrebbero profilare due ipotesi. La prima, mammelle di piccole dimensioni semplicemente molto lateralizzate e cadenti. In questo caso la soluzione potrebbe essere un intervento di mastopessi additiva ovvero di sollevamento del seno (e correzione della forma) e leggero aumento, per consentire al "volume mammario" di essere spostato verso il centro. La seconda possibilità è che oltre che scese e spostate di lato le mammelle possano anche avere una malformazione, che la paziente può anche non notare, tipo mammella tuberosa. In questo caso l'intervento risolutivo è quello di correzione della mammella tuberosa (una mastopessi modificata) che richiede comunque l'inserimento di una protesi.    

Ho ridotto il seno 6 mesi fa e ora sento che sta ricrescendo. E' possibile?

In alcuni casi dopo una riduzione mammaria, il tessuto ghiandolare residuo, comunque presente, potrebbe ipertrofizzarsi nuovamente con ricrescita del seno. Ciò avviene di solito in risposta alla stimolazione ormonale. In altri casi, se non viene mantenuto un peso corporeo controllato, il grasso che compone la mammella (anch’esso sempre presente in qualche misura) potrebbe crescere. La cosa importante quindi dopo l’intervento di riduzione è mantenere un peso corporeo adeguato con una dieta appropriata e l’attività fisica e sottoporsi a controlli periodici dal proprio chirurgo. In alcuni rari casi di recidiva potrebbe essere necessario ridurre il seno con un nuovo intervento.

big_breast_antonio_tambuscio mammelle ipertrofiche


Mi sono operata da un mese ai capezzoli introflessi. Ho portato le garze due settimane. Non ho visto nessun risultato ma solo un leggero cambiamento in un capezzolo mentre l altro è ancora introflesso. Come mai?

Generalmente l'intervento per il capezzolo introflesso è piuttosto semplice e da risultati molto soddisfacenti. Per quanto possibile rispondere, le ipotesi in questo caso sono diverse.

L'intervento può essere stato eseguito correttamente ma alcuni punti interni hanno ceduto prima che il capezzolo guarisse correttamente e ciò può comportare la recidiva del problema. E' una circostanza rara, rarissimo che succeda da entrambi i lati.

La seconda possibilità è che l'intervento non sia stato eseguito correttamente e quindi la correzione fosse da subito insufficiente.

Esiste una terza possibilità nel caso in cui il capezzolo non partisse come introflesso ma come "non sviluppato" quindi piatto. In questo caso non è possibile una correzione con il classico intervento ma è necessaria una ricostruzione completa.

capezzolo introflex capezzolo introflesso



Quattro anni fa ho fatto un intervento di mastoplastica riduttiva andato bene. Un anno fa circa ho partorito ed il seno è ri aumentato di volume, riottenendo pressappoco il volume che avevo prima dell'intervento di riduzione. Posso sperare in una liposuzione o dovrei fare un secondo intervento?

In un caso come questo la liposcultura è assolutamente da evitare. Il grave rischio è quello di ottenere una modica riduzione del seno a costo di una grave perdita di consistenza e tono della mammella con “effetto cadente”. Le riduzioni del seno, per dare un risultato davvero piacevole, richiedono non solo la riduzione del contenuto della mammella (ghiandola e/o grasso) ma, soprattutto, la riduzione della pelle e il sollevamento del complesso areola capezzolo per dare un miglioramento anche e soprattutto a livello di forma e tono della mammella. Qualsiasi altra tecnica può dare risultati molto scadenti.



Se all'esame ecografico mammario viene riscontrata una falda fluida periprotesica, vuole dire che la protesi è rotta?

Assolutamente no. Reperire una falda fluida attorno alla protesi è estremamente frequente e nella maggior parte dei casi del tutto normale. Attorno ad ogni protesi si forma come noto un rivestimento di tessuto connettivo detto CAPSULA. Tra la capsula e la protesi spesso si formano delle sottili falde fluide di siero, del tutto innocue. Questo reperto è più frequente con le protesi lisce e meno con quelle tesaurizzate.



Mi sono operato 2 mesi fa di ginecomastia e in questo momento ho il petto gonfio, pieno di linfa. E' possibile mettere un drenaggio per farlo sgonfiare?

La ginecomastia se viene trattata con una liposcultura comporta talvolta un gonfiore che può protrarsi per alcuni mesi ma si risolve spontaneamente. Purtroppo non si tratta di un versamento ovvero di un accumulo di liquido “visibile” che potrebbe quindi essere drenato ma si tratta invece di un ingorgo del micro circolo linfatico. Possono aiutare le guaine compressive da portare giorno e notte ed eventualmente dei massaggi linfo drenanti. Per il resto, un po’ di pazienza!



E' possibile fare operazioni chirurgiche pagando soltanto il ticket se vi sono dei problemi fisici che influiscono sulla vita di una persona?

In linea di massima non è possibile fare un intervento di chirurgia estetica gratuitamente con la mutua. I rari casi possibili sono le malformazioni congenite gravi (per il seno), le insufficienze inalatorie e i traumi (per il naso), gli esiti di dimagrimento chirurgico per grave obesità (per il seno e il corpo).



Ho le protesi mammarie rotte e lo so da circa un anno e non ho i soldi per pagare l'intervento. Cosa mi comporta tutto questo?

Se le protesi mammarie sono state messe a scopo curativo per ricostruire ad esempio le mammelle dopo mastectomia per tumore, è possibile sostituirle in convenzione con il SSN e quindi a titolo gratuito. Nel caso in cui le protesi siano di esclusivo significato estetico e siano effettivamente rotte, non è possibile sostituirle con la muta. L’unica prestazione erogabile dal SSN è la semplice rimozione degli impianti, per mettere in sicurezza la paziente. In ogni caso, pur non rappresentando un’urgenza assoluta, la rottura delle protesi mammarie necessita di una sostituzione o rimozione in tempi ragionevoli (3-6 mesi).



Ho entrambi i seni ricostruiti a causa di un carcinoma che ha richiesto una mastectomia bilaterale. Da 8 anni ho delle protesi al silicone (tolta completamente la ghiandola) e da circa una decina di giorni ho prurito al seno sinistro. Il prurito è chiaramente interno e persistente. Farò a questo punto dei controlli ma cosa potrebbe generarlo?

E' difficile capire con certezza cosa possa provocare il fastidio che riferisce anche perché un “prurito” è di difficile interpretazione soprattutto in una mammella che ha subito una mastectomia e dove quindi la sensibilità è molto compromessa. In questi casi conviene procedere con calma, senza fretta. E’ opportuno attendere qualche settimana eventualmente assumendo degli anti infiammatori o dei leggeri antistaminici. Di solito questi disturbi si risolvono spontaneamente nel tempo. Nel caso in cui il fastidio dovesse permanere si può procedere con un esame strumentale (una semplice ecografia) e una visita senologia.



Mi è stata fatta la ricostruzione del seno dopo una mastectomia. Da una recente risonanza magnetica risulta inequivocabile la rottura della protesi e pertanto dovrò sottopormi ad un intervento per la sostituzione dell'impianto. Mi chiedo se sia previsto un risarcimento del danno subìto da me e dal SSN.

La risposta è no. Più precisamente, sarebbe possibile in linea teorica chiedere un risarcimento ma per questo tipo di problema non conviene. Innanzitutto va detto, come già spiegato in questo post, che la risonanza magnetica (RMN) non è un esame preciso al 100% nell'identificare una rottura protesica e non sono rari degli errori diagnostici che possono dare qualche "sorpresa" in sala operatoria. Vediamo bene quali sono le parti tirate in causa ed eventualmente danneggiate. L'intervento è stato eseguito in convenzione con il SSN nazionale quindi la paziente non ha pagato nulla e tutte le spese sono a carico della Azienda Ospedaliera che ha fornito il trattamento. E' quindi il SSN che può in primo luogo richiedere un rimborso la qual cosa non viene fatta poiché le protesi impiantate hanno generalmente una garanzia a vita e l'impianto sostitutivo è fornito gratuitamente. La paziente dal canto suo non avendo speso niente potrebbe in linea teorica richiedere un risarcimento solo per i disagi patiti con un secondo intervento di sostituzione. Questa eventuale azione è di dubbio successo prima di tutto perché spesso è indimostrabile il motivo per cui un impianto è rotto e il produttore potrebbe sostenere che vi sia stato un traumatismo esterno che ha provocato la rottura. Le protesi rotte espiantate vengono sempre inviate al produttore per una analisi, la cui risposta è di solito "non è possibile escludere un difetto fabbricativo". In questo modo il produttore accetta di fornire un impianto sostituivo in garanzia ma di fatto non esclude altre ipotesi di rottura indipendenti dal difetto di fabbrica, per tutelarsi. Oltre quindi alla prevedibile obiezione che farebbe il produttore ad una richiesta di risarcimento va detto che l'entità del risarcimento ottenibile è così bassa da rendere insensata una azione legale. Di fatto l'unico "danno" patito dalla paziente è una seconda convalescenza quindi, per essere molto sintetici, circa un mese di malattia che corrisponde ad un indennizzo piuttosto esiguo. protesi rotta protesi rotta  

Due settimane fa mi sono sottoposta ad una mastoplastica additiva. Partivo da un seno praticamente inesistente ed il chirurgo mi ha inserito una protesi da 255 cc anatomica interamente sottomuscolo. Purtroppo però non sono soddisfatta della forma. La parte superiore del seno è molto piena a differenza di quella inferiore, tanto da non avermi definito il solco sottomammario (che era inesistente già prima dell' intervento). In più sembra che il capezzolo sia posizionato verso la parte bassa del seno. Posso sperare che col passare del tempo la protesi scenda più verso il basso dando più armonia alla forma del seno? È possibile che il chirurgo abbia sbagliato il posizionamento delle protesi?

Purtroppo non è facile dare un parere preciso senza una visita accurata. In termini generici si può comunque tranquillamente dire che dopo una mastoplastica additiva il seno ha all'inizio un aspetto un più pieno nella parte superiore. Le mammelle assumono una forma più naturale in un periodo che va dai 3 ai 6 mesi quindi a sole due settimane non si possono trarre conclusioni al 100%. Il posizionamento completamente retro muscolare accentua in modo particolare l'iniziale effetto "pieno in alto e vuoto in basso", a differenza di altri alloggiamenti come quello retro ghiandolare o parzialmente retro muscolare (dual plane). Per rispondere quindi alla domanda, se le mammelle non mostrano miglioramenti nel tempo le due possibili ipotesi sono 1) una trazione verso l'alto delle protesi dovuta ad inopportuni movimenti svolti nelle prime settimane e/o non aver indossato reggiseni modellanti specifici; 2) un mal posizionamento chirurgico.

posizionamento protesi



Nel 2007 mi sono sottoposta ad un intervento di mastoplastica additiva con incisione sotto mammaria e ora sono in gravidanza. Posso allattare? Con quali accorgimenti? Con il tempo sarà necessario che mi sottoponga ad un altro intervento se il seno non fosse piu elastico come prima o dovesse cominciare a cadere?

L'intervento di mastoplastica additiva è perfettamente compatibile con la gravidanza e l'allattamento. In previsione del parto, a partire dal terzo mese di gravidanza è opportuno tenere molto idratata la pelle con una comune crema (la semplicissima Nivea va benissimo). E' consigliabile anche applicare dei prodotti elasticizzanti. Le fiale della Rilastil (Ganassini) sono molto valide anche se un po' costose. La cosa più importante è prevenire lo svilupparsi di smagliature e che la pelle perda troppa elasticità. Gli stessi accorgimenti andrebbero presi per la pancia! Dopo il parto, all'inizio dell'allattamento, non ci sono particolari accorgimenti da prendere se non tenere molto pulita la pelle dell'areola e del capezzolo ed evitare il ristagno di secrezioni o incrostazioni. Tutto ciò per evitare mastiti che, in ogni caso, potrebbero verificarsi. In questo caso non c'è comunque da preoccuparsi ed è possibile trattarle con rimedi comuni come antibiotici, spremiture e anti infiammatori.

Una volta completato lo svezzamento il seno si assesta in circa 6-8 mesi e a questo punto è possibile fare una valutazione definitiva. Ogni paziente fa storia a se. Nella migliore delle ipotesi le mammelle ritornano identiche a prima. In alcuni casi possono evidenziarsi asimmetrie di forma e volume o imperfezioni della pelle come le smagliature. Raramente le cicatrici possono scurirsi molto e rimanere tali per tanto tempo. Nei rari casi in cui le irregolarità dovessero essere davvero evidenti si può programmare una correzione chirurgica ed eventualmente la sostituzione delle protesi. Sarebbe comunque opportuno posticipare  l'intervento a dopo le gravidanze per evitare di avere nuovamente problemi in futuro.

mastoplastica additiva e gravidanza mastoplastica additiva e gravidanza


A seguito di una mastectomia ho subìto la ricostruzione con lembo TRAM e protesi rotonda. Tale protesi risulta "rotta" dopo 18 mesi dal suo inserimento (referto eco e RMN) senza aver subìto traumi. Il referto parla di rottura intracapsulare. La capsula è parte della protesi (membrana più esterna) oppure per capsula si intende la capsula fibrosa che si forma intorno ad un corpo estraneo?

Le protesi moderne sono formate da un involucro esterno in elastomero di silicone (più rigido) e un contenuto interno in gel di silicone (morbido). Una protesi si considera rotta quando l'involucro esterno si frattura e il silicone tende ad uscire. Esiste però un altro elemento da considerare. Ogni protesi induce la formazione da parte del corpo di un involucro detto capsula periprotesica. E' una normale reazione fisiologica di risposta ad un corpo estraneo. Quando si parla di rottura protesica intracapsulare si intende una rottura della protesi (quindi del solo impianto) senza lacerazione della capsula peri protesica pertanto il silicone resta inglobato e non si sposta (specie per gli impianti in gel coesivo di silicone). Questo tipo di situazioni, in assenza di sintomi quali dolore, rossore, deformazione della mammella, febbre, etc.., non necessitano interventi urgenti anche se una sostituzione dell'impianto rotto dovrà essere fatta prima o poi. In pazienti asintomatiche è possible attendere fino ad un anno più. Va infine detto che la diagnosi di rottura di protesi eseguita con RMN e (soprattutto) con l'ecografia, può essere imprecisa e non sono rari i falsi positivi, ovvero immagini radiologiche che suggeriscono una rottura (di solito sono ripiegature estrene della protesi) ma una volta estratto l'impianto questo è assolutamente integro. E' indispensabile quindi valutare la situazione clinica e mostrare gli esami ad un chirurgo plastico molto esperto.

Dopo aver fatto una mastoplastica additiva ho eseguito un'ecografia e nel referto c'è scritto "presenza bilateralmente di profonde e multiple pliche radiali". Cosa sono? Mi devo preoccupare ?

In assenza di alcun tipo di disturbo (es. seno rigido, dolore) o difetto estetico, questo referto non indica niente di preoccupante ed è anzi un riscontro piuttosto frequente. Le pretesi mammarie in gel di silicone usate nella mastoplastica additiva non sono dei "sassi" rigidi ma dei dispositivi morbidi che possono cambiare leggermente forma a seconda della posizione che si assume. Gli esami strumentali (Eco soprattutto) evidenziano spesso delle ripiegature sui profili delle protesi che sono assolutamente normali. In assenza quindi di altri problemi non c'è da preoccuparsi. Il fatto che il referto indichi questo aspetto da entrambi i lati è ulteriormente rassicurante. In caso contrario è bene rivolgersi al proprio chirurgo per una visita ed eventualmente eseguire ulteriori esami (di solito una risonanza magnetica).



Tre anni fa ho fatto una mastoplastica additiva in seguito alla quale le mammelle si sono nel tempo irrigidite (sembrano due palle), sono comparse delle pieghe e mi danno fastidio. Ho fatto un'ecografia ed una mammografia e sembrerebbe esserci una perdita di silicone da una delle due protesi. Gli impianti (Allergan) sono coperti da garanzia ed evidentemente da sostituire. Chi sosterrà le spese per l'intervento?

La situazione non è chiarissima. Dal quadro che viene descritto sembrerebbe trattarsi esclusivamente di una contrattura caspulare, ovvero un irrigidimento delle mammelle per ispessimento della capsula peri protesica che le avvolge. Si tratta della complicanza statisticamente più incidente nella mastoplastica additiva e richiede un reintervento con rimozione della capsula e sostituzione delle protesi. Di solito gli impianti non sono rotti e quindi le protesi e i costi dell'intervento non sono coperti da alcuna garanzia.

Nel caso specifico non c'è assolutamente alcuna certezza che le protesi siano rotte. La mammografia è un esame non idoneo in questi casi. L'ecografia mammaria è una metodica invece poco accurata. La risonanza magnetica sarebbe l'esame più preciso ma richiede molta esperienza da parte del radiologo per identificare una rottura. In ogni caso un falso positivo strumentale è possibile, ovvero una protesi che appare rotta "radiologicamente", può in realtà non esserlo. Nel caso in cui durante l'intervento di sostituzione la protesi asportata sia integra, i costi sono interamente a carico del paziente.

Se invece l'impianto asportato è effettivamente rotto bisogna vedere che tipo di copertura assicurativa c'è. A seconda dei casi può essere garantita: 1) la sostituzione della sola protesi rotta; 2) la sostituzione di entrambe le protesi anche se una sola è rotta; 3) la sostituzione di entrambe le protesi e le spese di sala operatoria. Dal 2010 Allergan da quest'ultimo tipo di copertura per le sue linee di punta (Inspira e Natrelle).



Come si tratta un caso di capezzoli sovrannumerari in cui vi siano due capezzoli all'interno della stessa areola? E' un intervento simile a quello del capezzolo introflesso?

Un caso simile viene trattato con una piccola, doppia asportazione dei capezzoli sovrannumerari all'interno dell'areola. L'inetervento è ambulatoriale e richiede pochi minuti in anestesia locale.



Se ci si opera in una clinica privata, cosa bisogna osservare? Cosa non deve mancare nella sala operatoria? Cosa mi devo assicurare sia presente in caso di imprevisti/emergenze?

In Italia esiste una normativa molto rigorosa sulla concessione delle autorizzazioni alle strutture sanitarie private. Per quanto riguarda la chirurgia plastica (e non la medicina estetica) le strutture idonee minime sono classificate come Strutture Extra Ospedaliere di Chirurgia le quali hanno tutte le carte in regola in termini di strumentazioni, organizzazione e sicurezza per poter svolgere tutti gli interventi sia in anestesia locale che generale, in ricovero giornaliero. Queste strutture devono avere, tra le altre cose una convenzione con un ospedale pubblico nel caso in cui dovesse essere necessario trasferire un paziente che manifesti una complicanza o richieda un ricovero più lungo di un giorno. Oltre a questa tipologia di clinica esistono altre realtà private di complessità maggiore come strutture di Day Surgery o Cliniche con ricovero ordinario. Per rispondere alla domanda, il paziente non deve controllare niente in particolare ma deve semplicemente verificare che la clinica sia di una delle tipologie dette. Esistono infatti enti preposti (ASL e NAS) che eseguono controlli frequentissimi e rigorosi su tutti i requisiti necessari.

E' importante la marca delle protesi in una mastoplastica additiva? Come faccio a capire se le protesi che vorrebbe inserire il medico sono valide e non scadenti?

Ogni dispositivo con caratteristiche idonee ad essere impiantato deve essere dotato del marchio CE. Questo semplice requisito indica che l'impianto è di buona qualità ed è autorizzato dal Ministero della Sanità. Ogni protesi impiantata è identificata da un tagliando adesivo che viene consegnato alla paziente indicante marca e data di produzione, numero di lotto e seriale del prodotto.



Due anni dopo la mastoplastica additiva sento un avvallamento strano nel mio seno. Non ho nessun fastidio, è possibile che la protesi sia rotta senza sintomi?

Dopo così tanto tempo dall'intervento di mastoplastica additiva i motivi per cui un seno può deformarsi possono essere diversi e dipendono da tanti fattori tra cui tipo e sede di posizionamento della protesi, tipo di vita e attività condotta dalla paziente, eventuali traumi intercorsi. In linea assolutamente generale i motivi principali di modificazione della forma possono essere: 1. rotazione dell'impianto nel caso in cui si tratti di una protesi anatomica (protesi a goccia); 2. contrattura capsulare ovvero risposta infiammatoria attorno alla protesi, specie per posizionamenti retro ghiandolari; 3. rottura della protesi, evento piuttosto raro con gli impianti delle migliori marche a meno che non ci sia stato un forte traumatismo esterno, tipo un incidente stradale. In quest'iltimo caso spesso la paziente non sente assolutamente nulla e quindi il decorso è asintomatico. Talvolta possono infiammarsi i linfonodi dell'ascella, ma non sempre. Gli esami strumentali (ecografia e risonanza magnetica) possono solo orientare per una diagnosi di rottura ma non sono affidabili al 100% (sono frequenti i così detti falsi positivi o falsi negativi). La prima cosa da fare è andare dal chirurgo per fare una visita, solo uno specialista qualificato potrà valutare il caso e decidere cosa è meglio fare.



Ho subito una mastectomia con posizionamento di espansore mammario pochi mesi fa, ora sto per iniziare la chemio. Ho dolori intensi e fastidiosi all'ascella, è possibile che l'espansore non sia posizionato bene?

La ricostruzione mammaria post oncologica più frequentemente eseguita è l'utilizzo di protesi in gel di silicone (come quelle utilizzate a scopo estetico) dopo aver espanso sufficientemente la pelle. Viene pertanto inserito lo stesso giorno della mastectomia una protesi espandibile provvisoria che verrà nelle settimane successive gonfiata con della soluzione fisiologica (acqua) attraverso una valvola posizionata sotto pelle. La posizione dell'espansore (più o meno buona) generalemnte non comporta fastidi ma può eventualmente influire sul risultato estetico finale. Ciò che può dare fastidio invece è una velocità di espansione troppo elevata con sedute ripetute e volumi di riempimento alti (scelta talora adottata da alcuni chirurghi). In realtà molto più spesso i fastidi che si possono avere a livello ascellare e del braccio sono correlati con i frequenti svuotamenti ascellari linfonodali associati alla mastectomia. Questi disturbi dovuti all'alterazione del circolo linfatico migliorano nel tempo e con i massaggi.



Le iniezioni di fosfatidilcolina si possono effetuare nella zona pettorale per chi ha problemi di lipomastia?

La fosfatidilcolina (lecilisi) ha un'efficacia piuttosto bassa in generale e soprattutto imprevedibile. Per la ginecomastia è generalmente consigliabile una liposcultura pettorale più o meno l'asportazione chirurgica della ghiandola mammaria.

Mi sono sottoposta a mastoplastica additiva 15 giorni fa. Le protesi sono molto alte ed il seno non ha un bell'aspetto, la parte inferiore è rimasta un po' vuota. Dopo quanto tempo scenderanno le protesi?

Il tempo di assestamento delle protesi può arrivare anche a 3-6 mesi. Tuttavia il risultato dopo mastoplastica additiva dovrebbe essere soddisfacente da subito. In realtà non si assiste ad una vera "discesa" delle protesi quanto ad un miglioramento del seno in termini di naturalezza. Nelle prime settimane dopo l'operazione le mammelle sono infatti un po' più piene nella parte superiore con un aspetto un po' innaturale. Nelle settimane successive il polo superiore si ammorbidisce e il seno si "adagia" leggermente in basso, ma le protesi in realtà si muovono pochissimo.



Se una protesi mammaria dovesse rompersi, il silicone può finire nel latte materno?

In nessun caso il silicone può finire nel latte materno per diversi motivi. Il silicone di riempimento è un gel altamente coesivo che tende a migrare molto poco e, oltretutto, le rotture quando si verificano sono più spesso intra capsulari ovvero contenute entro la capsula peri protesica, tessuto prodotto dal corpo dopo i primi mesi dall'impianto e che avvolge completamente la protesi "isolandola". Inoltre la produzione del latte è un processo che avviene a livello cellulare con immissione del latte direttamente in sottilissimi dotti galattofori, ben separati dal piano di alloggiamento della protesi.

Ho subito un morso di cane al seno e mi ha staccato il capezzolo. Al pronto soccorso mi hanno fatto un'iniezione di anestesia locale ma nello stato confusionale non ho avvisato il chirurgo che avevo una protesi. Adesso ho il terrore che l'ago possa aver danneggiato l'impianto. La forma del seno mi sembra diversa da prima, suggestione? Potreste darmi indicazioni?

Bucare una protesi con una puntura a livello del capezzolo è teoricamente possibile se non si presta molta attenzione. Tuttavia non è così facile che ciò accada perché di solito a livello dell'areola, anche nei seni più piccoli, è presente un po' di tessuto ghiandolare che "protegge" l'impianto. Inoltre le iniezioni di anestesia locale si praticano generalmente con ago tangente alla pelle (e non perpendicolare) e in un piano piuttosto superficiale. Ad ogni modo, anche ammesso che il guaio sia stato fatto, non è detto che si manifesti subito un problema. Il singolo foro di un ago non provoca generalmente grandi spandimenti di silicone come una lacerazione dell'involucro post trauma. E' più probabile che si verifichi una lenta perdita di silicone nello spazio peri protesico tra il guscio della protesi e la capsula connettivale (un foglietto di tessuto che l'organismo normalmente forma attorno all'impianto). Un problema come l'alterazione della forma o l'indurimento del seno può quindi manifestarsi a distanza di mesi o anni. Allora come procedere? Per prima cosa è indispensabile sottoporsi immediatamente a visita specialistica per una prima valutazione della situazione. Il medico potrà richiedere un primo accertamento strumentale, di solito un'ecografia mammaria. Nei casi dubbi è opportuno eseguire una risonanza magnetica, metodica più precisa nel valutare il guscio protesico ed eventuali spandimento di silicone. Una volta fatta diagnosi (rottura o meno) è possibile programmare l'eventuale intervento di sostituzione.

Sei mesi fa ho avuto un incidente in auto nel quale ho battuto il fianco destro rompendomi 3 costole. Da allora la mia protesi al seno di destra non è più la stessa. Dopo numerose ecografie, mammografie e una risonanza si è evidenziata una ampia incisura che attraversa centralmente la protesi di destra, tipo plica radiale ma non si evidenziano segni di rottura. Cosa sarebbe meglio fare? Rioperare per riposizionarla bene?

La rottura di una protesi in seguito ad un incidente con fratture costali è un evento possibile anche se non molto frequente. Per il quadro che mi descrive direi che sicuramente vale la pena ri operare la mammella di destra. Solo durante l'intervento sarà possibile capire in che stato è effettivamente la protesi e cosa è necessario fare per ripristinare, nei limiti del possibile, la situazione precedente. Non è infrequente infatti che anche con la risonanza magnetica (esame strumentale considerato tra i più precisi per lo studio delle protesi mammarie) ci possano essere dei falsi negativi, ovvero situazioni in cui la protesi viene data per integra ma in realtà non lo è. Se il seno comunque non è più "normale" dopo l'incidente e/o agli esami strumentali si vedono delle alterazioni di forma dell'impianto, vale la pena fare un'esplorazione chirurgica. Nel caso in cui la protesi sia effettivamente rotta o anche solo deformata dal trauma è necessario sostituirla. In altri casi l'impianto può essere integro ma deformato da una contrattura capsulare subentrata dopo il trauma o da un versamento di sangue intra capsulare. In quest'ultimo caso può non essere necessario sostituire la protesi per risolvere la situazione. Quindi, in sintesi, prima di tutto è necessario sottoporsi a visita specialistica con tutti gli esami disponibili ma è probabile che un intervento di revisione sia in ogni caso necessario.

Ho eseguito una mastoplastica additiva nel 2003. Dopo 9 anni inizio a sentire alla palpazione le protesi come se fossero ricoperte di tessuto ondulato su tutta la loro superficie e talvolta è visibile. Sono da sostituire le protesi?

Il fenomeno che viene descritto in termini tecnici si definisce rippling e consiste nella comparsa di alcune pieghette sulla pelle dovute ad una ripiegatura interna della protesi. Queste pieghe nei casi più lievi sono solo palpabili ma in quelli più gravi possono essere anche viste. Il difetto è piuttosto frequente nelle donne magre nella parte più laterale dell'impianto e può manifestrasi anche abbastanza precocemente (dopo 6-8 mesi dall'intervento) soprattutto se si perde ulteriormente peso o si hanno delle gravidanze che lasciano una mammella ancor più asciutta e poco tonica. Qual'ora il fenomeno si manifesti a distanza di anni è probabile che vi sia anche una componente più o meno marcata di contrattura capsulare ovvero un restringimento del normale rivestimento che crea l'oragnaismo attorno all'impianto (la capsula appunto). Quando la capsula si inspessisce la protesi viene compressa e deformata e alcune pieghe possono essere visibili esternamente. Per rispondere quindi alla domanda, essendo trascorsi ormai quasi dieci anni dall'intervento è consigliabile sostituire le protesi ma, come spiegato, non è detto che il problema non si ripresenti precocemente. In quest'ultima sfortunata ipotesi è comunque possibile attenuarne la visibilità con un lipofilling, tecnica di riempimento con il proprio grasso.

rippling protesico


Con la recisione dei dotti si esclude a priori la possibilità di allattare?

L'intervento di correzione del capezzolo introflesso con la sezione dei dotti galattofori retratti riduce sicuramente in modo sensibile la capacità di allattare tuttavia questa possibilità non viene categoricamente esclusa. Non tutti i dotti infatti vengono sezionati e non è raro che quelli residui possano sopperire in modo adeguato alle necessità. Tuttavia la possibilità di allattare correttamente è abbastanza imprevedibile a priori. Va peraltro detto che molto frequentemente proprio i dotti retratti che vengono tagliati non sono pienamente (o per nulla) funzionanti e la difficoltà ad allattare ci sarebbe in ogni caso.

Ho fatto una mastoplastica addittiva sottomuscolare, dopo quanto tempo posso avere rapporti sessuali senza avere problemi di cicatrici e manipolazione? Ed essere perfetta senza far capire che ho fatto l'intervento?

Il tempo di recupero dopo la mastoplastica additiva, indipendentemente dal piano di alloggiamento delle protesi, è di circa 1 mese. Questo significa che trascorso questo tempo le protesi sono solitamente stabili e "fissate" nella giusta posizione, le ferite sono guarite da un pezzo e le cicatrici sono molto resistenti. Qualsiasi fastidio residuo dopo l'intervento è in genere ormai scomparso. In questi termini è possibile riprendere qualsiasi tipo di attività "normale", compresa l'attività sessuale. Per quanto riguarda invece il fatto di non destare sospetti il discorso è più complicato. La cicatrice può rimanere arrossata anche 6 mesi o più e durante questo tempo è piuttosto visibile. Inoltre le mammelle almeno i primi mesi hanno una consistenza un po' rigida che impiega qualche tempo a diventare più naturale.



Ho subito una mastectomia radicale con perdita della pelle e del capezzolo. Avendo un seno piccolo, dopo l'inserimento dell'espansore quante sedute ci vogliono per completare l'espansione? Quanti mesi devono trascorrere prima di inserire la protesi definitiva?

E' difficile dare una risposta precisa che si adatti alla grande varietà di condizioni clincihe di una paziente candidata alla ricostruzione mammaria con protesi in silicone dopo espansione. In linea di massima, se la paziente non ha eseguito radioterapia adiuvante sulla mammella operata, l'espansione procede piuttosto rapidamente perchè i tessuti sono piuttosto elastici e "dilatabili". L'espansore mammario può essere collocato direttamente il giorno della mastectomia (in una tasca retro muscolare) e si parla in questo caso di ricostruzione immediata. Alternativamente può essere inserito in un secondo tempo con un ulteriore intervento della durata di circa un'oretta e si parla in questo caso di ricostruzione differita. Trascorsi quindici giorni dall'operazione iniziano le espansioni che normalmente vengono eseguite con sedute ambulatoriali di pochi minuti ogni 7-15 giorni a seonda dei casi. I volumi di riempimento per ogni seduta sono variabili da caso a caso e vanno mediamente da 30 a 80cc. Il volume di riferimento per l'espansione è sempre quello della mammella sana e logicamente più questa è piccola e minori saranno i tempi per l'espansione. In modo estremamente semplificativo, per una seconda misura si possono prevedere tempi di circa 45gg mentre per una quarta ci possono volere anche tre mesi o più. Una volta raggiunto il volume definitivo (che è sempre un po' maggiore della mammella sana per avere una cute più morbida) si attendono normalmente altri 15-20 giorni prima di inserire la protesi definitiva con un intervento di circa mezz'ora. Nel caso in cui la paziente stia ancora facendo la chemioterapia al termine dell'espansione, si aspetta almeno un mese dal termine della chemio e dopo, aver fatto degli esami di controllo, si può andare in sala operatoria. La ricostruzione mammaria può venire perfezionata dopo alcuni mesi con la ricostruzione del complesso areola capezzolo e con dei lipofilling di rifinitura.



Vorrei sapere se dopo l'operazione di mastoplastica additiva, al risveglio, ci si sente senza fiato dato che le fasciature stringono. Si rimane così per tante settimane? Soffro di attacchi di panico e non vorrei avere un attacco proprio al risveglio per mancanza di fiato!

Molti chiarimenti a questa domanda sono stati pubblicati in questo approfondimento sul decorso della mastoplastica additiva. Le fasciature che alcuni chirurghi (ma non tutti) applicano alla fine dell'intervento sono in genere moderatamente compressive e non danno alcuna sensazione di soffocamento. In ogni caso la presenza dell'anestesista al risveglio e un periodo di monitoraggio post operatorio garantiscono la tempestiva e corretta gestione di qualsiasi stato d'ansia. Quindi c'è da star tranquilli!

Ho 28 anni e come taglia praticamente non ho niente!! Vorrei un aumento della misura del mio seno ma senza l'utilizzo di protesi. E' possibile utilizzare la tecnica di mastopessi senza protesi per ottenere l'aumento o dovrei ricorrere ad una mastoplastica additiva?

La mastopessi viene utilizzata esclusivamente per risollevare e rimodellare un seno che abbia un certo volume di partenza, in linea di massima la II-III misura. Se si parte da misure inferiori è necessario ricorrere ad una protesi con un intervento di mastoplastica additiva. Se il seno oltre che essere piccolo è anche sceso l’intervento necessario è una mastopessi additiva e cioè l’unione di una mastoplastica additiva con protesi (per l’aumento) e di una mastopessi (per il sollevamento).

Ho 25, dopo aver allattato due figli ho un seno più grande di una taglia e molto più rilassato rispetto all'altro! Si puo risolvere questo problema senza ricorrere all'utilizzo di protesi? A che tipo di intervento devo sottopormi per avere di nuovo due seni uguali?

In linea di massima se il volume complessivo di entrambe le mammelle è sufficiente (orientativamente una seconda misura abbondante) è possibile rimodellare uno o entrambi i seni ricorrendo ad un intervento di mastopessi semplice senza utilizzo di protesi. Consideri però che con questa procedura le mammelle vengono sollevate e “ricompattate” con perdita di circa mezza taglia. Per questo motivo se i volumi di partenza sono minori è spesso necessario ricorrere ad una correzione degli stessi con l’inserimento di una protesi.

E' possibile usare il Macrolane per aumentare il seno di una bella taglia abbondante partendo da una seconda scarsa?

Gli aumenti del seno con l’acido ialuronico (Macrolane©) sono possibili ma veramente indicati solo per piccoli incrementi (mezza taglia). Questa limitatezza è dovuta al fatto che il trattamento per volumi maggiori è abbastanza costoso (qualche migliaio di euro) e comunque di durata limitata. Ciò comporta una certa “dipendenza” dal ripetere le iniezioni a distanza di 12 mesi. Inoltre l’utilizzo di acido ialuronico altamente cross linkato (molto denso quindi) è ancora relativamente giovane e in taluni casi si sono manifestate migrazioni e accumuli poco piacevoli di prodotto noti come uova di rana di cui è difficile prevedere e prevenire la formazione. In sintesi, richiedendo un discreto aumento e partendo da un seno abbastanza piccolo non è molto indicato (né per la qualità del risultato, né per la durata, né per i costi complessivi da sostenere) un impianto di Macrolane. E' molto più sensato ricorrere ad una classica mastoplastica additiva, magari con una piccola protesi, ma che da un risultato sicuramente gradevole e stabile nel tempo.



Ho subito un’operazione per ginecomastia e mi sono rimaste delle orrende fossette al posto delle ghiandole mammarie con un notevole disagio a mostrarmi in giro e soprattutto al mare. Come risolvere il mio problema?

Il problema può essere dovuto ad una eccessiva asportazione di tessuto ghiandolare con conseguente sviluppo di aderenze cicatriziali tra areola e muscolo pettorale. In questi casi il trattamento risolutivo è di solito una attenta liposcultura pettorale attorno all’infossatura e un autotrapianto del tessuto adiposo prelevato (lipofilling) per colmare il difetto dietro l’areola e liberare le eventuali aderenze. L’operazione può essere eseguita in anestesia locale e non richiede più di un’ora di tempo.



Perchè dopo una mastoplastica additiva bisogna utilizzare un reggiseno e una fascia specifici?

Dopo un intervento di mastoplastica additiva viene applicata una compressione al seno per prevenire/contenere eventuali sanguinamenti o accumuli di siero nella tasca entro cui sono alloggiate le protesi. Per questo motivo normalmente viene applicata per 3-5 giorni una fasciatura attorno al torace. Trascorso questo periodo ci si dedica al mantenimento delle protesi nella loro corretta sede per il periodo necessario a far consolidare la capsula protesica e, nel caso di protesi teturizzate, a far "fissare" la superficie dell'impianto alla stessa capsula. A questo scopo si utilizza un reggiseno specifico in cotone elasticizzato che mantenga la forma delle mammelle e la posizione delle protesi. Vi sono molti produttori che offrono prodotti dedicati estremamente validi ma spesso un semplice reggiseno elasticizzato ad allacciatura anteriore di tipo sportivo è sufficiente allo scopo (purchè non abbia il ferretto). Nel caso siano state inserite delle protesi anatomiche, il mantenimento degli impianti nella posizione corretta richiede l'utilizzo di una fasciatura trasversale aggiuntiva da applicare nella parte superiore del torace. Alcuni modelli di reggiseno hanno una fascia incorporata ma, ancora una volta, una semplice fascia di 8-10cm di altezza reperibile in una comune sanitaria serve ugualmente allo scopo. E' molto importante indossare sia il reggiseno che la fascia giorno e notte per l'intero periodo indicato dal medico (generalmente 4 settimane) salvo brevi periodi per l'igiene personale e il lavaggio degli indumenti.



Dopo l'intervento di riduzione del seno le mammelle possono ricrescere ancora?

La mastoplastica riduttiva consiste nella riduzione del volume mammario asportando sia tessuto ghiandolare che tessuto adiposo. La ghiandola mammaria residua ha poca tendenza ad accrescersi negli anni successivi salvo (temporaneamente) in caso di gravidanza. Il grasso rimasto invece può aumentare di dimensioni esattamente come qualsiasi altra parte del corpo nel caso in cui si ingrassi. Le mammelle possono così aumentare anche in modo significativo e in rari casi potrebbe essere necessario un nuovo intervento di riduzione. Diverso è invece il discorso nel caso in cui le mammelle scendano per gravità, cosa non infrequente per un semplice fenomeno di invecchiamento. In questi casi può rendersi necessario dopo diversi anni risollevare il seno con un intervento di mastopessi, senza riduzione del volume.



Dopo aver perso 30 kg di peso con una dieta il seno si è svuotato ed è molto sceso, è normale? E’ possibile risollevarlo senza protesi?

La perdita di peso per una dieta o un intervento chirurgico può comportare lo svuotamento e la discesa delle mammelle soprattutto dopo i 40 anni quando il volume della ghiandola diminuisce e viene sostituito da tessuto adiposo, sensibile appunto alle variazioni di peso. L'intervento correttivo è in questo caso quello di mastopessi. E' difficile stabilire senza una visita pre operatoria se sia necessario ricorrere o meno ad una protesi. Bisogna tenere a mente che con l'intervento di mastopessi il seno perde di solito mezza taglia poichè i tessuti vengono compattati in un volume minore. Quindi si può fare una prova: se con un reggiseno non imbottito (che semplicemente solleva le proprie mammelle) si è soddisfatti di un po' meno del volume raggiunto allora può in linea di massima essere sufficiente solo l'intervento di mastopessi. Se, viceversa, il volume raggiunto è scarso bisogna ricorrere ad una protesi.



Dopo l’intervento per il capezzolo introflesso si perde la sensibilità?

No la sensibilità non viene alterata poiché l’incisione è molto piccola (circa 1cm) e collocata affianco al capezzolo.



Circa 20 anni fa ho subito l’asportazione di una mammella per un tumore. Al tempo non ero motivata per rifare il seno, sarebbe possibile farlo ora che ho 55 anni? Che intervento ci vuole?

In considerazione della sua età, degli interventi subiti e della sua motivazione è probabilmente possibile ricostruire il seno anche dopo 20 anni dalla mastectomia. Si tratterebbe di una così detta ricostruzione mammaria differita. Dai pochi elementi a disposizione è difficile dire che risultati potrebbero essere raggiunti e con quali e quanti interventi. In linea di massima comunque è possibile eseguire la ricostruzione con una tecnica base che prevede l’impianto di una protesi mammaria dopo l’espansione cutanea con un espansore. Ciò ammesso che lei non abbia al tempo fatto radioterapia o che almeno non siano presenti infiammazioni coniche della pelle in conseguenza di essa. In questo caso sarebbe necessario ricorrere ad un lembo cutaneo ossia al trasferimento di tessuto da un’area donatrice (generalmente la pancia o la schiena) al torace.



E’ possibile eseguire in ospedale un intervento per la mammella tuberosa?

Come già spiegato in questa pagina, la mutuabilità dell’intervento nel caso di una malformazione è data dalla presenza o meno di un problema funzionale. La mammella tuberosa è di per se una malformazione con significato esclusivamente estetico. Infatti, tutte le funzioni della mammella come organo sono conservate ed possibile avere una gravidanza ed allattare. Caso di verso è quello in cui alla mammella tuberosa sia associata una agenesia (assenza congenita) della ghiandola mammaria e/o del muscolo pettorale, quadro definito come Sindrome di Poland. In questo caso è chiaro come l’assenza di una ghiandola o di un muscolo costituiscano un problema funzionale affrontabile a carico del SSN. In altre parole, ai fini della mutuabilità, la mammella tuberosa pura nella chirurgia del seno è l’equivalente di un brutto naso aquilino (senza problemi respiratori) nella chirurgia del naso.



Dopo la correzione del capezzolo introflesso è possibile allattare?

La correzione del capezzolo introflesso comporta sempre la sezione di un numero variabile di dotti galattofori, la cui brevità è proprio responsabile del collasso del capezzolo. La capacità di allattare è perciò sempre ridotta e in alcuni casi viene definitivamente persa.



Si può eseguire la mastoplastica additiva evitando l’anestesia generale?

La mastoplastica additiva può essere eseguita utlizzando diversi tipi di anestesia. Da molti anni ormai quasi ogni chirurgo utilizza un tipo di anestesia "mista" fatto da una parte di anestsia locale (punture e/o infiltrazione di soluzione anestetica nel seno ed intorno ad esso) a cui si aggiunge una componente di competenza dell'anestesita. Quest'ultima può avere diversi livelli di profondità. Il più basso livello anestesiologico è la semplice ansiolisi/sedazione in cui la paziente è sveglia o leggermente assonnata (ma tranquilla e rilassata) e respira spontaneamente. In questo caso non si sente dolore ma si può avere qualche ricordo dell'intervento. Un livello di profondità maggiore è la narcosi leggera in cui la paziente è addormentata, non respira spontaneamente ma viene ventilata da una macchina. La paziente viene intubata (cioè viene assistita da un tubo di ventilazione posizionato dentro la trachea) o, preferibilmente ventilata con una maschera laringea ossia con un dispositivo più superficiale posizionato in gola che non da alcun bruciore al risveglio. La presenza della componente di anestesia locale fatta dal chirurgo consente un livello di addormentamento molto superficiale che consente tempi di risveglio e recupero post operatori brevissimi compatibili con un ricovero in day surgery.

In linea di massima la narcosi leggera (cioè una piccola anestesia generale) è preferita da pazienti e chirurghi perchè consente di lavorare con più tranquillità e senza significative variazioni di pressione durante l'intervento. Tuttavia l'intervento in sedazione (cioè a paziente teoricamente sveglio) è una scelta praticabile.



E' dolorosa la ricostruzione del complesso areola capezzolo dopo la mastectomia?

No, l'intervento è praticamente indolore. La ricostruzione dell’areola e del capezzolo è l’intervento di completamento del percorso di ricostruzione mammaria post oncologica. Una volta ricreato il seno asportato (con la tecnica di espansione e protesi o con un lembo cutaneo) è opportuno ricostruire anche il complesso areola-capezzolo per non lasciare “cieca” la mammella. Il capezzolo viene normalmente ottenuto con dei piccoli lembi locali di pelle utilizzando le preesistenti cicatrici della mastectomia mentre l’areola, a seconda dei casi e delle preferenze delle pazienti, può essere ricreata con un tatuaggio o con un innesto cutaneo prelevato dalla piega inguinale con un piccolo taglietto che non lascia praticamente alcun segno.



E’ migliore l’incisione a livello dell’areola (capezzolo) o nel solco inframammario?

Nelle pazienti con diametro areolare sufficiente (maggiore di 3 cm) è possibile scegliere se fare il taglio nel bordo inferiore dell’areola o nel solco inframammario. Dal punto di vista squisitamente estetico non vi sono grosse differenze. Entrambe le incisioni sono lunghe circa 3.8 cm e se suturate bene ed in assenza di complicanze (infezioni e ritardo di guarigione, molto rare) lasciano cicatrici assai poco visibili. Ben inteso che la “cicatrice invisibile” non esiste. Ad ogni modo l’incisione si maschera bene, in entrambi i casi, anche perché cade in un punto dove riesce a mimetizzarsi, nel passaggio di colore tra lo scuro della mammella e il chiaro dell’areola e nell’ombra del solco inframammario. Per questi motivi in molti casi è possibile dopo 6-12 mesi prendere il sole in topless senza destare “sospetti”. Dal punto di vista tecnico non vi sono differenze in termini di complessità o tempi di esecuzione. Nell’incisione dal solco inframammario lo scollamento è completamente extra ghiandolare ossia la mammella non viene minimamente toccata, mentre nell’accesso dall’areola viene praticato un piccolo tunnel nella parte inferiore della ghiandola per raggiungere il piano di alloggiamento della protesi. In questo secondo caso la ghiandola viene comunque danneggiata pochissimo e conserva più del 90% della sua funzionalità. Ovviamente entrambe le tecniche sono pienamente compatibili con gravidanza e allattamento. Per quanto riguarda infine la sensibilità, pur essendo piuttosto rari difetti di sensibilità cutanea permanenti dopo un intervento di mastoplastica additiva, non è chiaramente documentata una differenza di incidenza fra le due tecniche. La scelta quindi dipende principalmente dai gusti della paziente tenendo comunque bene a mente che, in ogni caso, la cicatrice rimarrà sempre coperta da qualsiasi bikini indosserà, per quanto piccolo.



Ho 22 anni e il seno asimmetrico dalla nascita con una differenza di due taglie. E’ possibile correggerlo in Ospedale?

L'unica possibilità per eseguire un intervento di simmetrizzazione delle mammelle in Ospedale è che vi sia, ben documentata, una malformazione/menomazione congenita. Nel caso specifico dovrebbe trattarsi di una agenesia (assenza totale) della ghiandola mammaria e/o del muscolo pettorale. Questa malformazione, che può essere anche abbastanza complessa, viene chiamata sindrome di Poland. La ricostruzione mammaria, oltre che l'inserimento di una protesi, può comprendere procedure complicate di trasferimento di muscoli dalla schiena, espansione cutanea e rimodellamento della mammella controlaterale.

In tutti gli altri casi l'intervento è puramente con finalità estetiche e quindi non mutuabile.



E' mutuabile l'intervento per il rimpicciolimento del seno?

La mastoplastica riduttiva è un intervento di chirurgia estetica che viene normalmente eseguito in libera professione e quindi a pagamento. In rari casi di gigantomastia gravissima, se è documentato chiaramente un problema di salute causato dal volume e dal peso delle mammelle, l'intervento può essere eseguito in ospedale. In questi casi è necessario dimostrare inequivocabilmente con un iter ospedaliero un problema quale un grave vizio posturale e/o una artrite toraco-cervicale o un problema dermatologico. E' bene ricordare che nei casi così detti "mutuabili" il paziente non può scegliersi il chirurgo.



E’ possibile aumentare il seno con il proprio grasso (lipofilling)?

L’aumento estetico del seno con tecnica del lipofilling è una procedura molto discussa e contestata per diversi motivi. In primo luogo per raggiungere un volume che consenta un aumento minimo di una taglia è necessario ottenere un impianto stabile di 150 cc di grasso almeno, per mammella. Poiché il grasso innestato attecchisce solo in minima parte (tra il 30-50%) per ottenere l’aumento minimo di una taglia sarebbe necessario prelevare almeno 600cc di grasso (per le due mammelle), la qual cosa non è sempre facile in pazienti magre. Inoltre tale procedura richiederebbe diversi interventi (3-5) poiché, considerata la ristretta area di innesto, oltre un certo volume di grasso iniettato la probabilità di attecchimento si riduce notevolmente. L’ultima e più importante ragione è che diversi recenti studi dimostrano che il grasso innestato può andare incontro a fenomeni di calcificazione che, in regione mammaria, possono indurre falsi positivi radiologici per neoplasie (ossia possono far credere erroneamente che ci sia una lesione tumorale in una mammella sana, durante una mammografia o un’ecografia mammaria). Se quindi il lipofilling trova una valida applicazione in ricostruzione mammaria post oncologica la sua applicazione in chirurgia estetica è molto discussa.



E’ necessario mettere i drenaggi dopo mastoplastica additiva?

Non esistono “leggi” in tal senso ma esclusivamente regole dettate dal buon senso e dall’esperienza di ogni singolo chirurgo. In linea di massima la mastoplastica additiva retromuscolare è generalmente meno traumatica e il sanguinamento abbastanza scarso. In questi casi si può con maggiore tranquillità evitare di mettere il drenaggio. Nelle mastoplastiche additive retromuscolari i rischi di sanguinamento sono maggiori per cui è più frequente ricorrere a drenaggi per alcuni giorni. Come vede però non c’è una regola assoluta ma la scelta dipende principalmente dall’esperienza e dalle abitudini del chirurgo. Operatori più veloci possono essere più traumatici e quindi fare un intervento rapido ma con maggiore sanguinamento e quindi possono optrare per idrenaggi. Altri chirurghi sono invece un po’ più lenti ma molto più accurati e meno traumatici e quindi usano meno i drenaggi. Tuttavia esistono colleghi che sono calmi, accurati, poco traumatici ma usano comunque i drenaggi semplicemente per ridurre al minimo il rischio di complicanze a breve termine (ematomi, sieromi). In ogni caso è bene tenere a mente che la presenza del drenaggio è ininfluente sul risultato finale. Tenerli per uno due giorni è un disagio minimo, la rimozione è indolore e non lasciano cicatrici visibili. L’importante è che il chirurgo cui ci si affida, qualsiasi siano le sue scelte,  abbia un basso tasso di complicanze (e buoni risultati!).



Come si fa a capire se una protesi mammaria è rotta e cosa bisogna fare in questo caso?

La rottura di una protesi mammaria è un evento abbastanza raro. In condizioni "normali" un impianto non si rompe praticamente mai anche sotto le più intense e prolungate solleciatazioni meccaniche. Un importante fatto traumatico recente al torace (es. un incidente stradale o una caduta accidentale) seguito da dolori intensi e prolungati al seno e/o rossore gonfiore possono far sospettare la rottura dell’impianto. Più raramente il decorso può essere privo di segni e sintomi. La rottura di una protesi senza causa traumatica è dovuta ad errori di fabbrica ma è un eventualità quasi impossibile poiché i principali produttori di impianti adottano controlli di qualità molto accurati. Per la diagnosi di certezza è necessario eseguire una risonanza mammaria che consente di studiare molto bene l’integrità dell’involucro della protesi ed identificare eventuali fuoriuscite di gel. Se la rottura della protesi è accertata è necessario sostituirla. Attraverso la stessa incisione del primo intervento viene sfilato l’impianto rotto, viene pulita accuratamente la tasca di alloggiamento (passaggio questo non sempre agevole soprattutto con protesi in gel morbido) e viene inserita una nuova protesi identica alla precedente. Per poter avere a disposizione in sala la nuova protesi è sempre indispensabile conservare i codici identificativi dei primi impianti che, per legge, devono essere consegnate alle pazienti il giorno dell’intervento.

 



Viaggiando in aereo le protesi possono esplodere?

Assolutamente no! Si tratta in effetti di una leggenda metropolitana priva di fondamento. Gli impianti moderni sono studiati per resistere perfettamente a tutte le sollecitazioni fisiche di una vita normale e viaggiare in aereo o fare un’immersione rientrano fra queste condizioni. A maggior ragione il rischio in aereo è totalmente inesistente poiché i velivoli sono pressurizzati.



Quanto dura il risultato estetico dopo una mastoplastica additiva?

E’ difficile dare una risposta sintetica a questa domanda. Non è possibile stabilire in modo assoluto la durata in termini qualitativi di una mastoplastica additiva. Vanno valutati caso per caso quali sono i fattori che favoriscono un risultato duraturo. Il primo fattore da considerare è l’età nel senso che minore è l’età della paziente migliore è la qualità della pelle e la sua elasticità. Una paziente più giovane avrà una pelle che reagirà bene all’aumento di volume senza perdere tono o smagliarsi. Il secondo fattore da considerare è il volume degli impianti scelti. Più grande è la protesi, maggiore è il suo peso e maggiore sarà di conseguenza il peso finale della mammella. Il peso x la forza di gravità x il tempo determina la caduta del seno, più o meno rapida ma comunque inevitabile. Scegliere protesi di volume medio-piccolo (massimo 280-320cc) riduce notevolmente il rischio di una discesa prematura delle mammelle. Viceversa, volere un seno molto voluminoso e senza compromessi (protesi 4-500cc) può riservare sgradevoli sorprese negli anni. Il terzo fattore e forse il più importante sono le gravidanze. Gravidanza e allattamento costituiscono un fattore di rischio per cambiamenti del seno a prescindere dal fatto che esso sia naturale o meno. Tengo a ribadire che trattasi solo di fattore di rischio e non di certezza di cambiamento. Al termine dell’allattamento le mammelle possono rimanere di un volume inferiore (più spesso), maggiore o, se si è fortunate, dello stesso volume di prima ma possono comunque formarsi delle smagliature e il seno può perdere un po’ di tono e scendere verso il basso. Ben inteso che la mastoplastica additiva è perfettamente compatibile con la gravidanza e l’allattamento, ma un conto è l’eventualità di una o due maternità dopo l’intervento, un altro discorso è avere intenzione di avere 3 o più figli. Il rischio di un cambiamento in questo caso è significativo e conviene posticipare l’intervento a dopo le maternità o accettare l’eventualità di una revisione successiva.



Quanto durano le protesi?

Dal punto di vista dei materiali le moderne protesi in gel di silicone sono garantite diverse migliaia di anni nel senso che in condizioni ideali di temperatura, umidità, pressione, etc.., gli impianti sono completamente inerti e quindi stabili nel tempo. In condizioni di vita normale e in assenza di difetti di fabbrica (incidenza quest’ultima effettivamente bassissima) impianti di buona qualità non necessitano di sostituzione e quindi non esiste una data di scadenza.



Dopo l’intervento le mammelle diventano fredde?

La mastoplastica additiva non comporta alcuna variazione di temperatura cutanea. La possibilità che il seno diventi freddo dopo un intervento di mastoplastica additiva è di fatto una leggenda metropolitana. Negli aumenti maggiori (con protesi >400 cc) e con pelli molto sottili si può avere una certa tensione cutanea accompagnata da una sensazione di mammella più fresca. In questi rari casi si tratta in effetti di una semplice sensazione soggettiva delle pazienti senza una variazione effettiva della temperatura.



E' possibile allattare dopo una mastoplastica additiva?

In ogni caso si. Indipendentemente dal fatto che la protesi venga collocata dietro alla ghiandola o dietro al muscolo grande pettorale la presenza della protesi non disturba la ghiandola mammaria. In funzione della sede di incisione cutanea vi è invece una live differenza sulla capacità di allattamento. L'incisione inframammaria (dal solco) permette di eseguire uno scollamento completamente extra ghiandolare, ossia senza toccare minimaente la ghiandola mammaria che è così preservata al 100%. Nel caso di un'incisione emiareolare invece è necessario attraversare la ghiandola per raggiungere il piano di alloggiamento della protesi e pertanto qualche dotto mammario viene sezionato e alcuni lubuli ghiandolari vengono per così dire "tagliati fuori". Va peraltro detto che in questo caso buona parte della ghiandola viene comunque risparmiata ed è in grado di compensare ampiamente la produzione lattifera. Questa dieferenza resta pertanto solo teorica ed in ogni caso l'allattamento è possibile.









               
ARTICOLI CONSIGLIATI
Dr. Antonio Tambuscio Chirurgo Plastico - Ordine dei Medici n. PD009129 - P.IVA:03907910289
(C)2016 Tutti i contenuti sono proprietà del Dott. Antonio Tambuscio


PRENOTA UNA VISITA
Prenotare visita Dr. Chirurgo Plastico Estetico e Ricostruttivo Dr. Tambuscio

Per prenotare una visita specialistica con il Dr. Tambuscio scegli fra le seguenti la sede a te più vicina.
Segui le indicazioni per fissare l'appuntamento.




Padova - Clinica Città Giardino
Via F. Piccoli 6, 35123, Padova
Telefono: 049 8911049
Vedi maggiori informazioni su questa sede

Mestre Venezia - CLINICA TORRE EVA
Via Bruno Maderna, 7, 30174, Mestre, Venezia
Telefono: 041 957703
Vedi maggiori informazioni su questa sede

Verona - Prestige Day Clinic
via Monte Baldo 12/B, 37069 Villafranca, Verona
Telefono: Tel.392 0682266
Orario: 15-19 da Lun-Ven

Vedi maggiori informazioni su questa sede

Vibo Valentia - Clinica Villa dei Gerani
Via Savio 10, 89900 Vibo Valentia
Telefono: 3920682266
Vedi maggiori informazioni su questa sede

Treviso - Ambulatorio San Raffaele
via delle Industrie, 2/1 , 31032, Casale sul Sile, Treviso
Telefono: Per informazioni: info@antoniotambuscio.it
Vedi maggiori informazioni su questa sede



Rimani aggiornato sui focus, pubblicazioni, faq e promozione

Inserisci i tuoi dati per ricevere le nostre mail mensili.
Il tuo indirizzo e-mail *

In che provincia abiti? *


*Acconsento al trattamento dei dati personali secondo i termini di Legge sopra specificati
*Acconsento di ricevere newsletter e promozioni tramite e-mail

Tutti i campi con * sono obbligatori